Serie A

Arrestato ultrà dell’Inter

E' accusato di aver ucciso Daniele Belardinelli

Il capo degli ultrà dell’Inter Marco Piovella, è stato arrestato per rissa aggravata e lesioni. L’imprenditore Piovella, 33 anni, era indagato dalla Digos della Questura e dalla procura di Milano per i fatti che hanno condotto alla morte dei Daniele Belardinelli.

La notizia dell’arresto di Marco Piovella è stata diffusa dai principali quotidiani nazionali. L’ultrà è stato arrestato successivamente agli scontri tra tifosi interisti e del Napoli prima del match. In seguito a questi scontri hanno infatti portato alla morte di un altro ultrà, Belardinelli.

Arrestato ultrà dell'Inter

Marco Piovella è un giovane imprenditore che si occupa di design delle luci. E’ noto come Il Rosso ed è conosciuto anche perché responsabile delle coreografie dell’Inter degli ultimi anni. E’ anche capo del gruppo ultrà dei Boys.

La sua posizione è peggiorata quando uno dei primi tre arrestati ha indicato come ispiratore dell’agguato proprio Il Rosso. Il dichiarante si chiama Luca Da Ros. Ma Il Rosso non è l’unico indagato. Anche il capo di un altro gruppo ultrà, i Vikings, è indagato. Si tratta di Nino Ciccarelli, che in passato aveva già ricevuto una DASPO di cinque anni ancora in corso.

Per Marco Piovella l’accusa è di rissa aggravata, lesioni, omicidio e violazione del Daspo.

Foto Repubblica Milano

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close