Serie A

Genoa interrompe l’avanzata dei bianconeri

Finisce 1-1 la partita Genoa-Juventus; adesso i bianconeri hanno solo 4 punti di vantaggio rispetto al Napoli.

A causa del pareggio 1-1 contro il Genoa all’Allianz Stadium di Torino, la Juventus non è riuscita ad ottenere la nona vittoria consecutiva in campionato, come avevano invece già fatto la Roma del 2013/14 di Rudi Garcia, e anche la stessa Jve del 2005/06, all’epoca allenata da Fabio Capello.

Il Genoa si conferma una squadra insidiosa per i bianconeri, che a causa di questo pareggio vedono diminuire il loro vantaggio col Napoli da 6 a 4 punti.

La partita però era cominciata senza dubbio a favore della Juve. Infatti già al 14′, grazie al cross di Cuadrado, Ronaldo aveva già provato a fare gol, senza però riuscirci.

Problema apparentemente da poco, visto che il portoghese è andato a rete solo 4 minuti dopo, quando un tiro di Cancelo non è stato rinviato da Piatek, che anzi ha ostacolato il proprio portiere Radu, permettendo così a Ronaldo di fare gol senza neanche troppo sforzo.

Quello dell’attaccante juventino tra l’altro è stata la rete n. 400 nei tre grandi campionati: nessun altro giocatore aveva mai raggiunto risultati simili.

Il Genoa per il primo tempo invece ha giocato alla meno.

Con l’inizio del secondo tempo però, la squadra rossoblù sembra partire con tutt’altro spirito.

Infatti dopo soli 8 minuti, il capocannoniere del campionato, Piatek, tenta il gol, trovando però la deviazione del connazionale Szczesny; e anche tre minuti più tardi proverà un gol di testa, anch’esso andato a vuoto a causa di una deviazione.

I bianconeri a questo punto, forse troppo rilassati, sembrano aver staccato un attimo il cervello. Ed è proprio qui che il Genoa fa gol, pareggiando così 1-1.

Al 23′ del secondo tempo infatti, Kuome’ recupera da destra il pallone, che sembrava stesse andando a finire sul fondo.
Lo passa a Bessa che subito prova il gol, che stavolta va a segno.

Nel finale la Juve ha poi tentato il 2-1, senza però riuscirci.

Foto gazzetta

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close