Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure – calciospagnolo.com

Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure – calciospagnolo.com

Prima della partita col Galles solo 5 azzurri si inginocchiano contro il razzismo. Abbiamo perso un’occasione, ma abbiamo tutto il tempo per recuperare

Roberto Mancini sembra riuscito laddove Garibaldi, De Gasperi e Marcello Lippi avevano fallito. Il cittì azzurro non ha vinto ancora niente, sia chiaro, ma ha messo la firma sull’impresa che in 160 anni di storia patria non è riuscita a nessuno: ha recuperato un clima di unità nazionale, concordia degli ordini, convivenza armoniosa tra i Pessina e i Donnarumma. Ha finalmente applicato la legge del «fatta l’Italia, adesso bisogna fare gli italiani». O quasi. Perché, anche quando siamo tutti d’accordo come nel caso degli azzurri in testa al Gruppo A di Euro 2020, restiamo il Paese delle mezze misure. E delle divisioni.

Più che di Italia-Galles 1-0, tocca parlare di quello che è accaduto al fischio d’inizio, con i britannici tutti compatti, genuflessi contro il razzismo, a sostegno della causa del Black Lives Matter, e l’Italia inginocchiata a metà. Solo cinque giocatori azzurri (Emerson Palmieri, Belotti, Toloi, Pessina e Bernardeschi) hanno ritenuto di aderire a un protesta che, in mezzo a un evento sportivo seguitissimo come gli Europei di calcio, sta provando a ricordare all’autoreferenziale mondo del pallone che non esiste soltanto il pallone. Non pervenuti gli altri sei atleti schierati da Mancini (Donnarumma, Bastoni, Bonucci, Verratti, Jorginho e Chiesa).

Non conosciamo nel dettaglio le ragioni di chi è rimasto in piedi: sul tema, finora, si era esplicitamente pronunciato soltanto Bonucci: «A oggi non mi pare che ci sia una richiesta dell’Uefa di intraprendere un’iniziativa, è una libera scelta delle Federazioni. Da parte di tutti c’è una posizione contro il razzismo», aveva democristianamente dichiarato dopo le prime genuflessioni di Euro 2020. È vero, caro Leonardo, stiamo parlando di una protesta spontanea, come lo furono i pugni alzati di Carlos e Smith alle Olimpiadi del ’68 che, col saluto delle Black Panthers, fecero la storia. È vero pure che sui campi di pallone italiani oggi al massimo facciamo un po’ di cronaca, ma questo è un altro discorso. C’è l’Inghilterra che si è beccata i fischi del proprio pubblico innescando un dibattito cui ha preso parte pure il premier Boris Johnson, il Belgio che è andato a prendersi i fischi del pubblico russo e una buona metà dei nostri calciatori che fa? Aspetta l’avvallo dell’Uefa, la decisione della federazione, si formalizza sull’ufficialità di una posizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *